Logo Audiocostruzioni VENDITA ON LINE

Oggi è 19/12/2014, 12:03


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Andamento della risposta in frequenza: lineare..o no??
MessaggioInviato: 28/02/2006, 15:31 
Utente molto fedele
Utente molto fedele

Iscritto il: 06/12/2005, 15:01
Messaggi: 813
Nella realizzazione di diffusori acustici diy, gli autocostruttori, cercano quasi sempre, nei limiti del possibile, di ottenere un andamento della risposta in frequenza il più lineare possibile e "combattono" con avvallamenti o rigonfiamenti della stessa risposta. Io in realtà non sono così. Il mio "cruccio" dunque è questo: perchè allora esistono in commercio eccellenti grandi diffusori acustici (vedasi B&W, Triangle, Tannoy, ecc..ecc.) che, provati "al banco", presentano dei rigonfiamenti ben marcati, soprattutto alle basse frequenze?? Al di fuori dei miei progetti ove impiego i biconici - larga banda, non mi ha mai "disgustato" qualche dB in più alle basse frequenze. Navigando in rete ho appurato che molti "puristi" bocciano tutti i diffusori che non sono estremamente lineari. Perchè? Va tenuto conto che l'orecchio umano, a differenza di un eccellente microfono rivelatore, presenta "di suo" dei "difetti", nel senso che recepisce in maniera differente alcune frequenze, pertanto, a fronte di una risposta linearissima del diffusore, potrebbe percepire il segnale musicale in maniera "non piacevole" e troppo neutra. Ecco che dunque l'ideale sarebbe realizzare un diffusore che riesca a "compensare" tali carenze fisiche dell'orecchio umano!! Vogliamo forse dire che i progettisti della B&W (faccio solo un esempio), nella splendida ed inarrivabile serie "800" non siano da considerare dei puristi?? Credo proprio di NO!!! In tali diffusori i bassi ci sono..ci sono eccome!! Ma il "rigonfiamento" in basso c'è... e si vede dai grafici pubblicati dalle riviste del settore. Voi che cosa ne pensate? Personalmente ritengo che alla fine della favola, ciò che conta è l'appagamento all'ascolto; sono dell'opinione che prima di fare fede alle rilevazioni al banco si debba ascoltare bene la musica. La pensate come me?
Un saluto a tutto il forum.

Marco71 (schiaffo71@hotmail.com).-


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 16:37 
Utente simpatizzante
Utente simpatizzante

Iscritto il: 20/01/2006, 21:24
Messaggi: 53
Località: GENOVA
al 100% :wink:

_________________
Luigi ;-)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 16:43 
Utente fedele
Utente fedele

Iscritto il: 05/10/2005, 10:51
Messaggi: 243
Ciao Marco71.
Io penso che quelle case che hai citato e anche altre, adottano la filosofia di compensare la dove il nostro orecchio-cervello ha delle carenze, gli estremi di banda audio non vengono percepiti come le gamme medie, si ha un calo dagli 80Hz in giù notevole come se fosse applicato un filtro passa alto, stessa cosa dai 16KHz in su anche qui il nostro orecchio-cervcello reagisce come un filtro passabasso.
Chi ha un orecchio allenato e senza difetti, riesce a percepire meglio gli estremi di banda quindi preferisce un diffusore il più lineare possibile.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 18:00 
Utente molto fedele
Utente molto fedele

Iscritto il: 06/12/2005, 15:01
Messaggi: 813
Fernando ha scritto:
Ciao Marco71.
Io penso che quelle case che hai citato e anche altre, adottano la filosofia di compensare la dove il nostro orecchio-cervello ha delle carenze, gli estremi di banda audio non vengono percepiti come le gamme medie, si ha un calo dagli 80Hz in giù notevole come se fosse applicato un filtro passa alto, stessa cosa dai 16KHz in su anche qui il nostro orecchio-cervcello reagisce come un filtro passabasso.
Chi ha un orecchio allenato e senza difetti, riesce a percepire meglio gli estremi di banda quindi preferisce un diffusore il più lineare possibile.


Dunque ecco confermato quanto ho sempre sostenuto; a mio giudizio infatti la ricerca della estrema linearità è un pochino infondata, almeno per il nostro orecchio; più interessante è ricercare, semmai, di rapportare la risposta in frequenza in modo ottimale all'orecchio dell'ascoltatore, modificando al limite la risposta con avvallamenti e/o rigonfiamenti "mirati" nelle bande ove il sistema orecchio-cervello risulta essere più carente. Che me ne faccio di un diffusore che agli strumenti di misura è linearissimo e perfetto..se poi all'ascolto è poco coinvolgente o "noioso" perchè troppo neutro?

Marco71.-


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 18:24 
Utente simpatizzante
Utente simpatizzante

Iscritto il: 20/01/2006, 21:24
Messaggi: 53
Località: GENOVA
tuttavia noi ascoltiamo una registrazione e avere una riproduzione lineare non dovrebbe indicare fedeltà della riproduzione?

non potrebbe essere più un problema di riproduzione sonora casalinga quello da risolvere con una risposta non lineare

_________________
Luigi ;-)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 20:42 
Utente VIP
Utente VIP
Avatar utente

Iscritto il: 09/10/2005, 13:17
Messaggi: 1352
Località: Mestre - Venezia
Mah. Non mi trovo d'accordo con voi.

Io penso che prima di risolvere il problema delle nonlinearità dell'orecchio umano (problema che NON C'E' A PARER MIO, poichè ci sarebbe ugualmente quando si ascolta musica NON riprodotta) c'è il problema della forte differenza della risposta di un diffusore tra camera anecoica da misure e salotto dell'audiofilo, e tra i differenti posizionamenti che gli audiofili scelgono. Questo, prima di tutto, detta le scelte dei grandi marchi. Loro hanno un loro target di stanza e di resto dell'impianto, e cercano di stare loro dietro. Vi posso assicurare che nella stanza in cui alla B&W hanno ottimizzato le loro casse, la risposta sia estremamente lineare ANCHE allo strumento di misura.

Bisogna imparare a capire che i controlli di tono o meglio, l'equalizzatore più efficacie di tutti è la disposizone delle casse!

_________________
saluti termoionici Immagine
Giaime Ugliano

http://giaime.altervista.org/


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 20:47 
Utente molto fedele
Utente molto fedele
Avatar utente

Iscritto il: 11/10/2005, 9:13
Messaggi: 766
Negli anni 70' e 80' i diffusori venivano costruiti per dare una certa risposta, diciamo lineare, in camera anecoica.
Qualche rivista lungimirante, tra questa sicuramente la "prima" Audioreview, comincio ad effettuare però delle misure in "ambiente" dimostrando come molto spesso un comportamento esemplare in camera anecoica, poi diventava assolutamente penoso in ambiente.
Ciò ha portato ne tempo a costruire, e soprattutto autocostruire, diffusori che cercassero di "regolare" il proprio suono soprattutto in base all'ambiente in cui vengono collocati.
Non sarebbe nemmeno tanto peregrina l'idea di dotarsi di diffusori pensati per la specifica stanza in cui si ascolta, e ciò inevitabilmente porterebbe ad avere oggetti che alle misure esibirebbero gobbe ed avvallamenti da far invidia ad una scena da deserto del Sahara, e ciò nonostante suonare benissimo.
Anche se molti non lo ammettono tutti nei nostri ambienti d'ascolto tendiamo ad equalizzare (con elettroniche, cavi ad hoc, tappeti, correttori d'acustica etc) il nostro impianto per ottenere la risposta più lineare possibile, ragion per cui la domanda più ovvia potrebbe essere:
E se risolvessimo il problema a monte utilizzando dei diffusori ad hoc?
Già e poi i costruttori di cavi miracolosi, di scarpette magiche, di olio di serpente e di riti voodoo che fine farebbero?
DAAAAACCOOOOORDOOOOOO
...mmm questa già l'ho sentita
Pippo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 20:51 
Utente molto fedele
Utente molto fedele
Avatar utente

Iscritto il: 11/10/2005, 9:13
Messaggi: 766
UP :arrow:
Gasp, mentre scrivevo il mio post replay Giaime, seppure con sfumature diverse ha scritto la stessa cosa....
Bene, ciò vuol dire che fortunatamente le mie idee non sono poi così peregrine come qualcuno afferma.
Ciao
Pippo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 20:59 
Utente simpatizzante
Utente simpatizzante

Iscritto il: 20/01/2006, 21:24
Messaggi: 53
Località: GENOVA
Edgarnew ha scritto:
UP :arrow:
Gasp, mentre scrivevo il mio post replay Giaime, seppure con sfumature diverse ha scritto la stessa cosa....
Bene, ciò vuol dire che fortunatamente le mie idee non sono poi così peregrine come qualcuno afferma.
Ciao
Pippo


intendevo dire la stessa cosa nel mio intervento precedente...forse però non ero stato chiaro :roll:

_________________
Luigi ;-)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 21:47 
Utente VIP
Utente VIP
Avatar utente

Iscritto il: 19/11/2005, 16:52
Messaggi: 1982
Località: Lecco
Anch'io non sono molto d'accordo sul fatto che le casse debbano "equalizzare" il suono...

Credo che l'equalizzazione venga già effettuata in fase di registrazione utilizzando come riferimento trasduttori molto lineari... E poi, come dice Giaime, le casse ideali dovrebbero restituire un suono "naturale" (es. la voce) esattamente come se lo stessimo ascoltando dal vivo, quindi non devono esaltare determinate porzioni dello spettro...

Ciao


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 28/02/2006, 23:35 
Utente VIP
Utente VIP
Avatar utente

Iscritto il: 09/10/2005, 13:17
Messaggi: 1352
Località: Mestre - Venezia
Voi non avete idea di quanto cambiano le mie AR a seconda di come le dispongo.

Prima erano frontali a me, a 1.80m tra di loro e a 2m da me, un suono a tratti graffiante con pochissimi bassi e zero dinamica, molto affaticante.

Adesso sono a 2 metri da me, ma a 3 metri tra di loro, in centro alla stanza, e fortemente angolate (in pratica le guardo di sbieco, a circa 45 gradi). La scena si è allargata mastodonticamente, e l'equalizzazione è perfetta adesso. Che bassi queste sospensioni pneumatiche anni 70!!!

_________________
saluti termoionici Immagine
Giaime Ugliano

http://giaime.altervista.org/


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/03/2006, 18:13 
Utente
Utente

Iscritto il: 05/10/2005, 17:51
Messaggi: 26
Ciao a tutti, ogni ascoltatore percepisce il suono in modo diverso perchè diverse sono le orechhie .Se osserviamo un qualunque grafico audiometrico ci rendiamo conto di queste differenze ( anche se non abissali in individui sani dal punto di vista auditivo ).Che facciamo ? costruiamo le casse sui parametri di ciascun orecchio?E poi quando andiamo a teatro mica portiamo le orecchie per l'occasione,ci portiamo le nostre. Piuttosto come giustamente sostiene Gaime vediamo di curare l'ambiente la collocazione e la timbrica perchè un flauto traverso non sembri una cornamusa ecc..
Ciao a tutti Pierluigi


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 01/03/2006, 18:34 
Utente molto fedele
Utente molto fedele
Avatar utente

Iscritto il: 11/10/2005, 9:13
Messaggi: 766
pierluigi.bs ha scritto:
Ciao a tutti, ogni ascoltatore percepisce il suono in modo diverso perchè diverse sono le orechhie .Se osserviamo un qualunque grafico audiometrico ci rendiamo conto di queste differenze ( anche se non abissali in individui sani dal punto di vista auditivo ).Che facciamo ? costruiamo le casse sui parametri di ciascun orecchio?E poi quando andiamo a teatro mica portiamo le orecchie per l'occasione,ci portiamo le nostre. Piuttosto come giustamente sostiene Gaime vediamo di curare l'ambiente la collocazione e la timbrica perchè un flauto traverso non sembri una cornamusa ecc..
Ciao a tutti Pierluigi



.....eeeeeeeeeeeeeeee vaaaaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :roll:
Al teatro ascoltiamo musica dal vivo, che è quella e basta, per cui la recepiamo così per com'è con le abberrazioni dovute ai difetti del nostro sistema auricolare e con quelle fornite dalla sala, ma è pur sempre musica dal vivo che con i pregi e con i difetti non ci sogneremmo mai di equalizzare :roll:
La musica riprodotta dai nostri impianti (che mi piacerebbe ogni tanto magari venissero chiamati sistemi completi di riproduzione audio) è riprodotta e basta...quindi il bun tecnico del suono cerca di metterci tutto, dagli strumenti al modo in cui dovrebbe suonare in un certo ambiente che però è quello che lui ha in testa :cry: allora è logico che all'ascolto puro e semplice non necessariamente ci piaccia, demerito di chè?
Dell'impianto?
Delle riflessioni dell'ambiente?
Della registrazione?
Varie ed eventuali? :?: :?: :?:
La collocazione in ambiente dei diffusori, o per meglio dire, la posizione più corretta possibile dei diffusori, influisce notevolmente sulla godibilità dell'evento, ma è questo ciò che realmente ci voleva trasmettere il predetto tecnico del suono?.
Insomma, per farla breve, la musica riprodotta ancora oggi soffre di un problema abbastanza comune sia ad impianti di basso costo che di alto e altissimo costo, siamo pur sempre davanti a situazioni al limite in cui si può ottenere una buona approssimazione dell'evento reale (per me unico ed esclusivo metro di paragone) ma difficilmente (azzardo mai) si riesce a ricostruire l'evento reale, anche perchè, soprattutto nei prodotti da studio, è mediato da infinite diavolerie.
Saludos


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 02/03/2006, 11:59 
Utente
Utente

Iscritto il: 05/10/2005, 17:51
Messaggi: 26
Perfetto, evitiamo quindi di introdurre artificialmente esaltazioni,partiamo da una risposta il più corretta possibile e vediamo di sfruttare intelligentemente il NS impianto (ambiente collocazione ecc.. ecc..moglie permettendo ) ciao a tutti Pierluigi


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Moderatori: andreabertoglio, Maramao

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBB.it