Autocostruzione
Cavi per Diffusori Ricable U40 Autoassemblati


Di cosa si tratta: Coppia di Cavi per Diffusori "Ricable U40" Autoassemblati 3+3 metri

DESCRIZIONE:
Ciao Davide! Innanzitutto colgo l'occasione per fare a te e a tutti gli avventori del tuo bellissimo sito i migliori Auguri di Buone Festività Natalizie. Detto questo, devo aggiungere che, seguendo da tempo e con interesse i tuoi preziosi consigli, sia video che scritti, ho potuto apprendere molte cose nuove (per un "non addetto ai lavori" come me, non fa mai male avere una guida...) e finalmente mi sono deciso di assemblarmi il primo cavo "serio" per diffusori. Parto dicendo subito che tutto il materiale utilizzato per l'assemblaggio è stato acquistato in rete presso negozi italiani rivenditori ufficiali dei diversi Marchi. Parto con il prodotto principale: matassina di 6 metri di cavo marca Ricable, modello U40, in vendita al metro lineare, presso i negozi indicati sul sito ufficiale, che vado a linkare qui sotto: http://www.ricable.com/u40-speaker.html Come si può facilmente evincere dal sito, le caratteristiche principali sono le seguenti: trattasi di cavo bipolare, di sezione 4 + 4 mmq, con conduttore in rame OFC 5N (99,999%), a poli twistati, con sezione esterna in PVC molto flessibile del diametro di 11,5 mm. Ora il resto del materiale occorrente per l'assemblaggio. Parto con le ottime terminazioni, di marca van den Hul, serie DIY, come da link sottostante: http://www.vandenhul.com/products/accessories/diy-screw-on-speaker-connectors Poi ci sono le guaine termorestringenti (diametro 19-9,5 mm la più grande, diametro da 9,5 mm a scendere la più piccola) e la guaina antitaglio nera da 10 a 28 mm, il tutto reperibile in diversi negozi, anche "sotto casa". Tutto il necessario per la lavorazione, ossia forbici da elettricista, spellafili, taglierino, nastro isolante nero e accendino ce li avevo già in casa, quindi non li inserirò nel conteggio del prezzo finale. Ora proverò a spiegare a parole i passi della lavorazione, così come l'ho eseguita io da "inesperto". 1) Innanzitutto ho tagliato la matassa da 6 metri in due pezzi identici da 3 metri ciascuno e ho provveduto a far scorrere quelli che sono diventati i due cavi, uno alla volta, nella guaina antitaglio. A questo proposito, non ho preventivamente tagliato la guaina, ma l'ho fatto dopo aver inserito il primo cavo: nell'applicazione di questa guaina, infatti, si nota subito una "perdita" di quantità utile per la lavorazione, dovuta allo spessore del cavo stesso... consiglio pertanto a chi fosse eventualmente interessato ad un assemblaggio simile di abbondare con la guaina antitaglio. Nel mio caso specifico, ad esempio, per 6 metri di cavo ho ordinato 7 metri di guaina... e non mi sono avanzati più di 25-30 cm! 2) Proseguiamo... Una volta inguainati i due cavi, ho provveduto ad assemblarli uno alla volta, nella seguente modalità: ho rimosso 8 cm di rivestimento esterno, quello da 11,5 mm, in modo tale da aver spazio a sufficienza per eseguire le terminazioni con le banane e le forcelle. Siccome il produttore dichiara questo cavo come direzionale, ho prestato particolare attenzione ai simboli presenti sulla serigrafia, in modo tale da non sbagliarmi con le terminazioni: banane lato amplificazione e forcelle lato diffusori. Un piccolo appunto: il cavo è provvisto di una protezione in tessuto al suo interno, interposta tra il rivestimento esterno e i due poli (si può vedere bene quanto detto nella fotografia allegata), pertanto ho dovuto tagliare anche quella che diventava la parte in più di tessuto, lasciando così i due poli "nudi e crudi", pronti ad essere spellati. 3) Ora la parte finale dell'assemblaggio. Ho spellato e terminato ogni lato dei cavi, appunto, con banane lato ampli e forcelle lato diffusori e ho applicato dei pezzetti rossi e neri di guaina termorestringente piccola ai due poli; dopodiché sono passato a fissare la guaina esterna antitaglio al cavo con una sottile mandata di nastro isolante, il tutto successivamente ricoperto 10 cm di guaina termorestringente grande, fino a coprire il taglio del tubolare esterno del cavo; a sua volta poi ho assicurato la guaina termorestringente grande con una mandata multipla di nastro isolante nero... ed il cavo è pronto.

SCHEDA FOTOGRAFICA:


















IMPRESSIONI:
Ora che i due manufatti erano completati, non mi rimaneva che provarli... Beh, che dire: rispetto ai precedenti cavi (avevo una coppia di Supra Classic 4, bipolari da 4 mmq in rame bagnato nello stagno) qualcosa è cambiato. Innanzitutto avverto che le note gravi sono sempre presenti e ben controllate, sin dal registro più basso... nel "lungo" il primo range di frequenze è molto articolato, mentre nella "botta" si lega alla perfezione con il mediobasso, senza "sbavare" e senza lasciare in secondo piano le frequenze medie, che trovo particolarmente accattivanti, luminose e precise, ben proporzionate nel resto dell'evento sonoro. Le frequenze più alte si estendono davvero egregiamente fin dove arrivano i diffusori, senza affaticare l'ascoltatore, con una sensazione di "velluto" e di delicatezza mai riscontrata sui (pur ottimi) precedenti cavi. Il punto forte di questo prodotto, secondo il mio personale parere, è l'equilibrio generale: restituzione delle medie frequenze sì pronunciata, ma in maniera molto piacevole... calde e pastose, ben integrate con tutto il resto della riproduzione, che appare naturale e fluida. Diciamoci una cosa molto chiaramente: questi Ricable NON sono cavi trasparenti... insomma, credo che la fascia di prezzo a cui appartengono non sia quella del "cavo che c'è ma non si sente", obiettivo spesso inseguito dagli audiofili più esigenti, a son di centinaia, se non migliaia di Euro di spesa. La presenza di questi cavi, o meglio il loro spiccato carattere, si sente eccome, ma gli ottimi materiali impiegati e la particolare struttura ad elica (twistati) permette loro di raggiungere prestazioni molto ben distanti dal loro valore di listino. Il tutto, ovviamente, sul mio sistema e nel mio ambiente. Bene, credo di aver detto abbastanza... non vorrei annoiare nessuno dilungandomi troppo e spero che il mio racconto sia stato quanto meno un pochino utile ed interessante... a voi l'ardua sentenza! Grazie e ciao! -Mauro- ------------------------------------------------------------------------------------------- IL SETUP Sorgente: Lettore di Rete Marantz NA7004; Convertitore Digitale/Analogico: Audiolab 8200CD (ESS Sabre 9018, collegato in coassiale elettrico); Amplificatore Integrato: Unison Research Unico Secondo; Diffusori: Chario Constellation Delphinus; Cavi di Alimentazione: WireWorld Stratus sulle elettroniche; Lapp Kabel Olflex dalla presa a muro alla multipresa, quest'ultima WireWorld Matrix 2; Cavi di Segnale: Coassiale Digitale van den Hul The Wave dal lettore di rete al DAC; analogici bilanciati Ricable X1 Supreme Signal XLR dal DAC all'amplificatore; Cavi per Diffusori: Autoassemblati Ricable U40; Software: vario in formato mp3 e Flac, su supporto Hard Disk Intenso da 1 TB, collegato al lettore di rete via USB Lindy Gold. ------------------------------------------------------------------------------------------- COSTI SOSTENUTI PER L'ASSEMBLAGGIO DEI CAVI PER DIFFUSORI 6 metri di Cavo Ricable U40 - Euro 38,04 (scontato) 7 metri di Guaina Esterna Elastica Antitaglio 10-28mm - Euro 6,53 1 metro di Guaina Termorestringente Nera 19-9,5 mm - Euro 2,60 1 metro di Guaina Termorestringente Nera 9,5 mm - Euro 1,30 1 metro di Guaina Termorestringente Rossa 9,5 mm - Euro 1,30 4 Banane van den Hul DIY - Euro 27,00 (scontato) 4 Forcelle van den Hul DIY - Euro 27,00 (scontato) Spedizioni - Euro 13,20 (complessive per due differenti negozi online) TOTALE - Euro 116,97

Articolo di: Mauro mail: mauro.previtero@libero.it
Ti รจ piaciuto questo articolo? Clicca qui e pubblica anche tu le tue cose!!!
TORNA ALL'INDICE