Autocostruzione
AmpliGrigliata


Di cosa si tratta: Cassa amplificata realizzata con materiale di recupero

DESCRIZIONE:
Inizio subito con le scuse...le foto sono fatte con un cellulare in condizioni di luce scarsa...e il progetto che vi sto per descrivere e' ancora in via di sviluppo...ma visto che già funziona benissimo...inizio a pubblicare la FASE 1 :) Ogni volta che ci si riunisce con gli amici per un evento, una grigliata o una piccola festicciola....la prima cosa a cui penso e' la musica! Fino a qualche anno fa ci si organizzava portanto amplificatore...casse...sorgente audio...e cavi. I cofani delle macchine erano pieni di elettronica che rubava spazio alla roba da mangiare! Con il passare del tempo ci siamo resi conto che quello che serve e' sentire la musica e non mettere su una discoteca! Bastavano pochi Watt...e quindi abbiamo lasciato a casa tutto l'impianto stereo e abbiamo comprato i soliti impiantini 2+1 da 15 euro che di solito compaiono sulle nostre scrivanie collegati ai computer. Come potenza ci siamo ... ma come robustezza un po meno! Sono nati per stare al chiuso e all'interno hanno elettronica super-economica-cinese! Dopo un paio di eventi ce li ritrovavamo con l'alimentazione KO...o con lo stadio finale fuso! Alla "fusione" del terzo impianto decido di scendere in garage e attaccare il saldatore...prefissandomi di utilizzare solo materiale di recupero e quindi di restare nell'ordine di spesa pari allo zero!!! In queste situazioni non serve qualità eccellente....nessuno storcerà il naso se gli alti non sono tagliati a regola d'arte...quindi prendete questo progetto come FUNZIONANTE RAPPORTATO ALLA SPESA (zero)! Non ci sono calcoli...non ci sono simulazioni...e' vero e proprio fai-da-te con materiale di recupero! Dopo questa lunga premessa iniziamo con la lista della spesa: 1) Altoparlante: Ognuno di noi si ritroverà vecchi altoparlanti per uso automobilistico (4ohm) super impolverati. Io ho trovato una coppia di ellittiche JBL a 3 vie. Le davano per 160watt..fooooorsssee :) Le avevo montate sulla mia prima macchina sulla cappelliera e ricordo che funzionavano abbastanza bene! Voi potete scegliere qualsiasi cosa riesca a tenere almeno 10watt...diciamo che gli altoparlanti che si trovavano negli sportelli sono perfetti! 2) Contenitore: sono anni che uso MDF! E' l'unica cosa che ho comprato...circa 0,5 mq per la modica spesa di 8 euro! Spessore 2cm (1,9 per la precisione). 3) Amplificazione: Avevo nelle cassettiere dei finali TDA1519A...nuovi nuovi! Sono i tipici finali da autoradio. Li danno per circa 10+10watt e funzionano con 4 componenti intorno. Diciamo che si possono quasi montare in aria. Sono molto elastici come alimentazione (da 6 a 18volt) e possono essere montati in modalità stereo o mono. Se non avete proprio il 1519A va bene qualsiasi altro TDA (2050-1515...) sono tutti robusti e semplicissimi da far funzionare. Passiamo alla realizzazione. Il sistema come noterete e' MONO...sempre per tornare al discorso semplicità. Serve sentire musica ... non servono effetti surround, stereo, dolby e chi piu ne ha piu ne metta! Una cassa che attaccata al nostro lettore MP3 ci faccia ascoltare musica per allietare una giornata tra amici. Ho realizzato una cassa con MDF da 19mm precisamente 30cmx22cm. Misure calcolata in base all'altoparlante da montare. Con l'ausilio di un seghetto da traforo ho realizzato i buchi per altoparlante e comandi posteriori e ho chiuso il tutto con.....i chiodi!!!! Orrrrroreeeee!!! Fortunatamente i tagli erano stati fatti a regola d'arte e il tutto si e' chiuso senza spifferi. Riguardo l'elettronica mi sono basato sullo schema presente nel datasheet del TDA1519 (Versione MONO) al quale ho aggiunto solamente una rete di zobel direttamente sull'altoparlante con valori quasi standard (100nf e 6ohm). Lo stadio di alimentazione e' semplicissimo...trasformatore da 12v di secondario,un ponte a diodi e un condensatore da 1000mf (che consiglio di aumentare almeno a 2200mf). Questi TDA sono abituati ad essere strapazzati con l'utilizzo in auto...quindi un alimentatore del genere va benissimo per lo scopo. Il trasformatore sarebbe meglio se erogasse almeno 2 ampere! Un potenziometro da 22kohm per la regolazione del volume e 2 resistenze da 47kohm per convogliare i due canali di ingresso stereo in un unico canale MONO. Per il tipo di installazione e' come se il tutto fosse montato in aria...quindi consiglio per ridurre al minimo i fruscii di fare ottime saldature e raggruppare il piu possibile le masse. A breve la FASE 2...con ulteriori "chicche" sempre a spesa zerooo!

SCHEDA FOTOGRAFICA:














IMPRESSIONI:
Dopo una controllatina alle saldature e ai collegamenti ho chiuso il tutto e ho collegato il mio Ipod. Collego la 220volt e inizio a scorrere una playlist varia....in modo da testare bassi...voce...strumenti... Il risultato e' : UNA BOMBA !!! Per la spesa...il risultato e' eccezionale. Bassi molto presenti e alti equilibrati. Si puo' sentire perfettamente della buona musica da bar....o "pompare" per fare un po di casino! Devo dire che se non e' collegato a una sorgente il fruscio in sottofondo e' presente... e se per caso si tocca con il dito il jack si sente una bella botta sulla cassa....ma e' da mettere in conto per la semplicità dell'impianto! Per qualsiasi chiarimento...sono a vostra disposizione!

Articolo di: Danilo Larizza mail: dlarizza@tiscalinet.it
Ti รจ piaciuto questo articolo? Clicca qui e pubblica anche tu le tue cose!!!
TORNA ALL'INDICE