Autocostruzione
Progetto TLINE


Di cosa si tratta: TRANSMISSION-LINE A DUE VIE "QUASI FULL-RANGE"

DESCRIZIONE:
Il progetto "TLine" e" un sistema a due vie con caricamento a linea di trasmissione. Il "quasi full-range" nel titolo, è dato dal fatto che il sistema adotta, per la via medio-alta, un componente molto apprezzato in tutto il mondo: il FOSTEX FE103E. Ebbene si: ho scelto questo largabanda per riprodurre le frequenze dai 3Khz in su. Esso quindi, viene filtrato come un classico tweeter, pur essendo un componente a cono classico. Le scelte progettuali si possono riassumere come segue: 1. estensione della risposta alle più basse frequenze. 2. estensione e tenuta in potenza per la via medio-alta. 3. filtraggio semplice senza compensazioni 4. costruzione robusta Per quanto riguarda l"estensione alle basse frequenze, volevo progettare un diffusore che definisco "general-purpose", ossia capace di riprodurre la maggior parte dei generi musicali, donando, all"ascolto, quella sensazione di completezza, rotondità ed impatto che, tuttavia, non vanno ad inficiare la qualità della riproduzione. Nel corso degli anni, ho costruito svariati sistemi, dai sistemi sub + satelliti al tqwt con il fostex FE103E senza tuttavia riuscire ad ottenere quella presenza in basso che potesse "completare" lo spettro audio. Non ho voluto ottenere bassi da sub. Il woofer è un 6,5 pollici della SEAS e, quindi, ho tenuto conto delle Leggi della Fisica. Diciamo che ho dato a questo componente, la possibilità di esprimersi (visti i suoi parametri T/S) al meglio con un carico per il quale sembra esser stato progettato. Ho calcolato la linea in funzione della sua FS pari a 40Hz. Ovviamente, durante i calcoli, ho tenuto in debito conto della riduzione della velocità del suono nella linea a causa della presenza del materiale assorbente (classico poliuretano a celle aperte) disposto in punti strategici all"interno del condotto. Inoltre, sapendo che le linee possono presentare andamenti lineari oppure conici, ho preferito adottare la prima tipologia (ovvero quella "classica") che, all"atto pratico, è anche la più semplice da costruire. La via medio-alta, come ho detto, è affidata al FOSTEX ma, poiché questo componente, presenta una tenuta in potenza molto bassa (solo 5W RMS), ho preferito tagliarlo a 3Khz in modo da scongiurare l"arrivo di un eccessivo contenuto di basse frequenze che avrebbero potuto provocare la generazione di forti distorsioni (a casua dell"escursione del cono) e una possibile distruzione della bobina mobile. Il motivo che mi ha spinto a non utilizzare un vero tweeter, è i FOSTEX. li avevo già disponibili. Poi la qualità della loro "voce", ha fatto il resto. Sono dei piccoli mostri. Sono componenti progettati unicamente per il caricamento a tromba (hanno un EBP pari a 199!) ma ho deciso di sperimentare il loro impiego in questo progetto. Il filtro è un Butterworth del 2° ordine su entrambe le celle composto da 2 induttanze e altrettanti condensatori. Non ho previsto celle di compensanzione dell"impedenza o altre diavolerie; solo un taglio a 3Khz che possa far lavorare entrambi gli altoparlanti nelle migliori condizioni possibili. La sensibilità del diffusore si attesta sul valore di circa 88 dB. Potrebbe sembra basso (di fatto le linee di trasmissione non hanno mai brillato per efficienza!),ma vi assicuro che collegato ad un impianto da 5W per canale nel mio salone da 7 x 5 mt per i primi test di ascolto, mi ha lasciato a bocca aperta! Ho posizionato i diffusori al centro della stanza. Di solito i sistemi tradizionali (reflex, casse chiuse, ecc) perdono un po" alle basse a causa dell"allontanamento dalla perete posteriore, e quindi il suono potrebbe sembrare leggerino sui bassi. Con le mie, invece, il problema non si pone. Il basso è graniticamente presente anche a bassi livelli di ascolto! Sono rimasto sbalordito, credetemi. Ovviamente, un diffusore di questo tipo, deve essere costruito in modo da risultare solido e poco inclune alle vibrazioni parassite (comunque sempre presenti!!). Nei transmission-line, le pressioni in gioco all"interno del condotto non sono trascurabili, e quindi possono sicuramente generare modi di vibrazione indesiderati. Il mobile è fatto di truciolato da 18 mm (avrei preferito l"mdf ma al momento del taglio, non era disponibile). I setti interni della linea contribuiscono a rendere "sordo" il mobile (e molto pesante vi asscuro!) unitamente al poliuretano che smorza comunque il suono alle frequenze più alte. E" opportuno disaccoppiare il diffusore dal pavimento con punte o altro.

SCHEDA FOTOGRAFICA:




















IMPRESSIONI:
"Ogni scarrafone è bello a mamma soia" si sa. Quindi, cercherò di essere imparziale nel giudicare la qualità di riproduzione. Bene, che dire..suonano musica! Eccome! La line fa veramente il suo dovere, estendendo la risposta bel al di sotto delle possibilità del woofer SEAS e riducendo nel contempo l"escursione della membrana a tutto vantaggio della riproduzione. Sistemi di questo tipo, possono essere pilotati senza fatica da amplificatori di potenza medio-bassa grazie anche all"ottimo andamento dell"impedenza globale presentato dai tline. I bassi sono ben presenti, rotondi, pieni come li desideravo. Ho spostato i diffusori più volte nella mia stanza di ascolto. Non ho mai riscontrato alcun calo in questo spettro. Anzi. Anche a bassi livelli di ascolto, sono ben presenti e donano alla riproduzione quel senso di completezza del messaggio musicale. Le medio-alte frequenze, sono presenti e non provocano alcuna fatica all"ascolto. Il Fostex fornisce quel senso di apertura e ariosità tali da non far rimpiangere la mancanza di un tweeter.Le voci sono meravigliose, riprodotte con naturalezza (ah..questi giapponesi!) e mai eccessive. Ho notato anche una certa omogeneità nell"intero spettro audio, con basse e medio-basse che non hanno il sopravvento sulle medie e alte e viceversa. Il suono è molto equilibrato. In tutta onestà, difetti non ne ho trovati (non voglio peccare di presunzione). Sono soddisfatto della mia creazione. Ho ottenuto quello che volevo. Un diffusore completo e capace di riprodurre Musica di qualuque genere.

Articolo di: Michele mail: pistillo.michele@gmail.com
Ti รจ piaciuto questo articolo? Clicca qui e pubblica anche tu le tue cose!!!
TORNA ALL'INDICE