Autocostruzione
FINALE A MOSFET 200W


Di cosa si tratta: Finale a mosfet autocostruito

DESCRIZIONE:
Mi permetto di "aprire il copechio" a una delle tante realizzazioni che ho fatto circa 20 anni fa e che alla luce delle nuove potenzialità "informatiche" con l"ausilio di CAD si potrebbe realizzare lo stampato in maniera più ottimale di quanto abbia potuto fare io a "mano" e realizzare moduli multicanale. Comunque è una delle mie realizzazioni a cui sono affezionato che "resiste" ancora dopo tutti questi anni di funzionamento, e con l"avvento dei formati audio digitali ho relegato il finale per pilotare due sub woofer. Anche se il circuito è basato sulla falsariga del "Crescendo" di elektor 1982, bisogna notare le resistenze di controreazione locali (R16, R23, R17, R18, R19 e R24) per ottenere un valore totale di ben 13,5dB La sezione di alimentazione si compone di 8 elettrolitici RICHMOND da 10000uF/100V e due toroidali da 500VA cadauno

SCHEDA FOTOGRAFICA:








IMPRESSIONI:
Innanzitutto preciso che la scelta è caduta sul differenziale simmetrico, configurazione a me cara per il basso fattore di distorsione armonica di ordine dispari, e poi perché le robe simmetriche mi sono simpatiche, quindi ciò che accade su di un ramo succede anche nell"altro in maniera "speculare". Chi non ricorda Harman Kardon Citation Twenty-One che utilizza circuitazione completamente simmetrica, con controreazione ridotta al minimo con suono piu "riposato" e "naturale".

Articolo di: Domenico mail: dmdrsf@yahoo.it
Ti รจ piaciuto questo articolo? Clicca qui e pubblica anche tu le tue cose!!!
TORNA ALL'INDICE